28
lug

Via dall’Afghanistan. Franceschini, fai cagare.

Written by Cloro. Posted in cultura, Giustizia, Italia, Mondo, Politica

Di certo non hanno parlato per umanitarismo. Nè per coerenza con la sottocultura dei respingimenti che propugnano. Nè per tutelare la costituzione. Nè per tamponare i dissanguamenti di un’Italia che tra pochi mesi (già da settembre che molte aziende non riapriranno) avrà per la strada milioni di persone in mobilità e disoccupate, nè per evitare l’esborso, solo nel prossimo rifinanziamento di mezzo miliardo di euri nostri (i politici e i generali si arrichiscono personalmente in modo sconcio), con a bordo le famiglie senza soldi.

Però ne hanno parlato, i leghisti, dellinopportunità di restare in Afghanistan. Ne ha parlato Bossi e ancora piu’ incisivamente Calderoli.

Non è niente di che, quest’episodio. Poche parole di Frattini (“I soldati in Afghanistan proteggono tutti, anche Calderoli, dal terrorismo internazionale”) e lo sciacallaggio di Casini (“Il governo riferisca in parlamento dei dissidi aperti nella maggioranza sull’Afghanistan), pronto a mettersi al fianco del PdL nel caso la Lega avesse dato seguito con ‘ste parole ad un’azione politica e l’allarme lego-pacifista è rientrato.

I leghisti, da buoni squali, hanno avuto promesse e favori e quindi hanno desistito dal debole dubbio che hanno alzato su questa questione. Noi italiani proseguiremo quindi l’impegno genocida verso un popolo colpevole solo di essere stato scelto come territorio da cui far passare un oleodotto cruciale per le potenze economiche occidentali.

Eppure questa storia delle missioni militari è proprio un esempio eclatante di come fa schifo la politica italiana, in quanto questa guerra e queste “missioni” in generale ci costano il fatto di macchiarci di omicidio e di persecuzione di massa( si veda il video) nonchè, come ho dimostrato, di torture. Quindi siamo a tutti gli effetti un popolo la cui politica viola i diritti umani. Non solo per le ronde, ma anche e soprattutto perchè partecipiamo ai meccanismi del sistema, finanziando e mandando a morire soldati al fronte per la quintessenza dell’oppressione umana: la guerra offensiva.

Gli storici antichi si soffermavano molto sulle differenze tra guerra offensiva e guerra difensiva e sulle differenze morali-collettive che ci sono tra esse. Sono differenze autoevidenti, che non ci sarebbe manco bisogno di spiegare: sono quelle che sussistono tra chi vuole impedire che gli distruggi la casa e gli perseguiti i familiari e tra chi vuole impadronirsi di case e terre che non gli appartengono, sfrattando a morte i residenti con “pretesti” di bassa levatura argomentativa ma di elevato volume mediatico.  Soggetti della storia “diversamente motivati”.

Il valore dell’evidenza è una delle cose che i media cercano di occultare con parole in libertà e sofismi improbabili, che per smontare mentalmente servirebbe solo avere il gusto dell’approfondimento e magari aver studiato un po’ di logica aristotelica. Per questa ragione penso che il crimine piu’ grande alla libertà umana oggi, sia significato dall’uccisione delle scuole e dalla negazione al diritto di acculturasi dei giovani. Se questo elemento ci fosse e fosse ben garantito, neppure 9 tv in mano a Berlusconi potrebbero determinare la compattezza di consensi (quasi 3 miloni di voti alle Europee) che vi è ora.

La gente mediamente giudica la realtà politica e vota, in base a considerazioni superficiali, senza voler manco capire le cose e quando vota, non è, semplicemente, in grado di giudicare, perchè gli elementi che ha tratto sono parziali, distorti e di conseguenza falsi in tutte o in alcune delle loro parti.

In nome del valore dell’evidenza, vorrei soffermarmi oggi su Franceschini che da perdente qual è, in una Covtina :-) assolata, sotto i tendoni di un bel bar gremito di vecchietti sorridenti, ha dichiarato che

“Questo non e’ il momento di farrientrare i ragazzi italiani dall’Afghanistan ma di farcompletare il loro lavoro”

e che:

“Domani mattina rivoteremo per il rifinanziamento della missione in Afghanistan”

Queste parole, io se fossi del PD, o anche solo simpatizzante, mi sentirei in imbarazzo anche a parlarne sul blog. Perchè davvero: come si fa a simpatizzare con un partito che dice “Noi sì che tuteliamo la costituzione,, votateci o antiberlusconisti, che vi daremo piu’ democrazia” e poi,  senza alcun vantaggio elettorale (perchè il PD ha perso un casino di voti) dichiarare che la contraddizione con la costituzione italiana è , non solo accettabile, ma che “si deve fare”?

Uno studente che avesse un po’ studiato Kant, noterebbe che la locuzione che implica l’uso dell’imperativo categorico nel quadro di un giudizio su questo fenomeno (la guerra) appare molto stridente. Kant aveva parlato di “bene” in senso Platonico. Di certo non ci avrebbe incluso la guerra offensiva (Kant era per la “pace perpetua” nome anche di un’opera dove suggerisce come ottenerla) che stiamo facendo noi in Afghanistan, quindi Franceschini e il PD sono anche loro tra i primi sfregiatori della costituzione italiana.

Per poter capire una cosa del genere, è chiaro che bisogna sapere che questa guerra si fa non per le donne e il burka, nè per i talebani (che vennero in prima battuta armati e finanziati dagli USA per resistere ai sovietici che tentavano di invaderle l’Afghanistan negli anni ’80), ma per l’oleodotto. Fine. Con la gestione dell’ENI che se la missione andrà bene, il management s’intascherà i guadagni, mollando qualche briciola a mò di tasse, se va male,  le ulteriori perdite saranno spalmate sul “debito pubblico”, cioè sul groppone dei cittadini, in nome del liberismo imperfetto.

Concludendo: a me Franceschini fa cagare e se fossi anche solo simpatizzante del PD comincerei a dubitare sul serio della consistenza di un partito che sostiene l’assassinio seriale all’estero, mascherato con le divise e sulla capacità, da parte di un partito così, di fare davvero lotte per tutti in nome del ristabilimento di un minimo di giustizia sociale in questo paese e fuori, per quello che ci riguarda. Fine.


Tags: , , , , , , , , ,

Commenti

  1. piersabatino deola scrive:

    Sarà verò che sono piu' proni ai piedi di USraele i DL che Berlusconi?

    Tutti questi criminali che spendono 1 mln.al giorno per fare la guerra,non pensano a pensionati che a causa delle marche non versate dagli onesti imprenditori italiani,percepiscono pensioni anche di 250/300 €.mensili.

    Per loro il problema è aiutare il capitale a rubare le materie prime ai popoli poveri asiatici e africani con la scusa di portare la democrazie o fermare il falso genocidio come in Darfur.

    Non solo fanno cagare ma fanno schifo come esseri viventi non civili.

  2. E allora, cara Cloro, come si risolve questa cosa?

    Il primo che indichera' una soluzione valida ed accettabile e non volta soltanto a garantirsi LUI i privilegi che hanno altri, credo verra' proposto come prossimo presdelcons.

    Il problema e' che gli italici, diversamente da altri popoli, non si sono mai liberati delle ombre del ventennio anteguerra. La loro pacificazione nazionale e' stata una burla cosi' come lo e' stata la Liberazione.

    Non c'e' stata alcuna Liberazione. Gli italici sono ancora fascisti… dentro; anche quelli che, per opportunismo, cercano voti a sinistra tanto per poter sedere su uno scranno e beccarsi un super stipendio con privilegi e pensioni d'oro.

    In tempi di crisi in cui la gente sempre piu' soffrira' la miseria, avere un posticino al caldo con assicurato il risottino col caviale fa comodo a tutti.

    Il problema e' culturale. Serve quella bella pulizia generale che non c'e' mai stata, e credo che quando cio' avverra' non sara' del tutto indolore.

    PS: a proposito… il Bertinotti avra' rinnovato il suo guardaroba oppure nel frattempo avra' capito che per far breccia nel cuore di chi non ha neppure la pensione si dovrebbe almeno abbandonare il look da lord inglese?

    Mi piacerebbe tanto che in TV, nei talk show politici, ci fosse qualcuno che, coerentemente con le idee che propugna, invece di indossare abiti e scarpe da migliaia di euro si presentasse con una bella casacca modello Chavez…

    1. Cloro scrive:

      x Chiara: se vogliamo le ragioni sono ancora anteriori al fascismo. L'Italia ha una storia iniqua già dal suo nascere. Storia di crimini e di soprusi comandati da quei savoia di merda.

  3. Anonimo scrive:

    Solo la missione in Afghanistan, dal 2001 è costata all'Italia 750 milioni di euro l'anno.

  4. giulio concu scrive:

    Brava Cloro, sei acuta, fredda ma appassionata analista… e dici cose vere. Io, che sono sardo, non ho più alcuna fiducia né nei sardi né negli italiani. Figuriamoci se ne ho nei loro dirigenti… che li dirigono, appunto, veloci verso l'inferno. io non ci voglio andare… e non ci andrò, oa lmeno ci andrò per conto mio. se è verop che la nostra vita e il nostro universo ce lo creiamo noi…. per natura e per abiura delle armi sono pacifista, perciò considero ogni qualsiasi "missione" militare o di colonizzazione culturale un CRIMINE contro la natura Umana e dell'Universo… spero che presto la massa di gente che riesce a conservare con sempre più difficoltà un po' di senso critico e volontà di agire per il Bene si svegli e riallacci i rapporti con il Pianeta e l'Universo… altrimenti saranno ben presto guai per tutti… sempre che siamo ancora in tempo… sperem

    1. Cloro scrive:

      grazie, Giulio. Speriamo sì in una svegliata collettiva. Prima o poi.

  5. Eli scrive:

    Chiara

    come hai ragione! Gli italiani, od almeno una buona parte di loro, sono rimasti fascisti dentro. Temo che il ripulisti non si farà mai. Altri lo hanno fatto, i francesi per i collaborazionisti di Petain ed i tedeschi per venir fuori dal gorgo del nazismo. Lo hanno fatto perfino i russi a proposito di Stalin, toh.

    Ma il nostro è il paese in cui la polvere si occulta sotto il tappeto, ed i baccanali neroniani e caligoleschi vengono definiti "cene".

    Cloro

    appare dunque evidente che non ci possiamo fidare di nessuno, che fanno schifo tutti, a dx come a sx, e che quello che attuano altro non è che un liberismo sfrenato, in nome di quel Nuovo Ordine Mondiale che perseguono. Che Bertinotti vesta come un lord inglese poco m'importa, ma che faccia parte anche lui della fratellanza massonica, questo sì che mi ha indignato. E con lui veltrusconi, padoa schioppa (magari schioppasse), che peraltro è il compagno di Barbara Spinelli, giornalista della Stampa, figlia di quell'Altiero Spinelli che si è fatto una loggia propria, dato che il Grande Oriente gli andava stretto, e Prodi, e Draghi, De Benedetti. Praticamente tutta la classe dirigente.

    Ma sto seduta sulla riva del fiume, ed attendo…

    Un giorno vedremo passare ciò che resta di loro in mezzo ai flutti.

    1. Cloro scrive:

      Eli: ci vogliono movimenti nuovi, leader nuovi, intellettuali nuovi, regole democratiche ben chiare nei dettagli. Partecipazione. Dialettica. Forse, rivoluzione.

  6. piersabatino deola scrive:

    Che belle notizie mi hai dato su quel bel pacco di "melma" nel quale sono racchiusi gli esecutori delle decisioni del Bildemberg. Bertinotti massone disonora la pur fetida massoneria;quanto ad aspettare sulla riva……come ha detto giustamente Klara,con la cultura italica,aspetterai troppo.

    Unica via di uscita avere solo 15 anni e l'allungamento della vita media.

    1. Eli scrive:

      pier…

      non credo che occorra avere quindici anni, i tempi di risoluzione sono moolto accelerati. E comunque sono tanto più giovane di loro…. :)

    2. Cloro scrive:

      Piersabatino:Già. I complotti sono la loro attività principale…Ma cambierà. Speriamo.

  7. intanto sarebbe bene smettere di regalare i nostri soldi per farci queste porcate. come?

    no gratta e vinci e giochi d'azzardo di stato, no comprare nella grande distribuzione, no banche colluse, meglio banca etica, no consumo di idrocarburi oltre l'indispensabile eccetera.

    niente di violento o illegale, un semplice sciopero dei consumi, per cominciare a cambiare abitudini, passare ai g.a.s., tanto di gente con molto tempo libero che possa occuparsene ormai abbondano tutte le regioni eccetera, swi creerebbe un sistema virtuoso in alternativa, e i parassiti appassirebbero come erbaccie secche.

  8. dangp scrive:

    "a me Franceschini fa cagare "

    Fosse solo lui. In questo paese, come in molti altri, si governa se fai i favori. Non si tratta solo di ENI, ma anche Finmeccanica, Fiat, Vaticano, Enel, etc. Ma che te lo scrivo a fare, tanto lo sai già. Ho fatto un giretto nel tuo blog, così se ti chiedi "chi è questo stonato che ha visto millemila pagine " hai già la risposta.

    Ciao.

show
 
close
rss Follow on Twitter facebook youtube google+