14
apr

Marco Pasqua: un cretino qualsiasi,che solo in un contesto come il nostro puo’ essere pagato per scrivere

Written by Cloro. Posted in Complotti, cultura, Italia, Laicità, Lombardia, Media, Medio Oriente, Milano, Mondo, Palestina, Politica

Cioè…sono assurta alle cronache di “milano-Repubblica”  NIENTEPOPO’DIMENO che come professoressa “negazionista”" e “antisemita”. Parole grosse, di una persona che nell’ambito professionale violerebbe la costituzione in modo grossolano perchè significherebbe che vede la vita in modo razzista, quindi discrimina e discriminare vorrebbe dire violare la costituzione, appunto. Quello che Repubblica ha lasciato scrivere è la prova evidente del suo essere un giornale guerrafondaio e carta veramente da culo atta ad impacchettare solo la merda.

:-D

Con questo articolo di questo Pasqua ,che in parte estrapola frasi dal mio blog senza dimostrare neppure di saperle leggere (su Faurisson scrissi che era vile avergli alzato le mani e che al negazionismo bisogna opporre  argomenti  di portata scientifica e non botte) e in parte s’inventa periodi che non ho mai scritto. In quanto al mio negazionismo (avrei scritto che l’Olocausto è “un mito”) è un’accusa così campata per aria che non credo neppure di doverla prendere in considerazione: ho 30 anni di carriera nella scuola come insegnante di storia e fior di testimoni che mi aiuteranno a far ricacciare in gola al Pasqua i suoi insulti a suon di migliaia di euri .

In realtà si sa che la lobby sionista* ha campo libero (vedi Giorgio Israel, patron didattico della gelmini), evidentemente anche su giornali come Repubblica, al fine di stroncare le voci di dissenso soprattutto sulla questione palestinese. L’ultimo diverbio che ho avuto coi sionisti pochi giorni fa è stato su Facebook, a proposito di Vittorio Arrigoni, un amico continuamente dileggiato e calunniato perchè “osa” mandare informazioni di prima mano agli italiani sul lager di Gaza, che negli ultimi giorni ha subito bombardamenti assassini la cui conta è di circa 10 persone la settimana.


e meno male che “Repubblica”si picca di fare “battaglie di civiltà” contro il “berlusconismo”

Per il resto che altro dire? Che credo sia un onore trovarmi nelle fila dei Finkelstein, dei Pappe’, dei Caracciolo e di tutti coloro che sono stati perseguitati ingiustamente per le loro opinioni. Infamie che trovano fondamento nell’ingiustizia strutturale del presente. Un periodo storico nel quale pochi potenti decidono di buttare uranio impoverito sul popolo libico mentre la gente muore in Palestina nel silenzio complice di politici e media. Tra le varie inquisizioni del nostro tempo c’è questa: l’intento è intimidatorio, ma come scrissi tempo fa ad un’altra persona che mi diffamò, sono figlia di un valoroso italiano che servì nella seconda guerra mondiale come artificiere ad El Alamein e che s’è fatto le sue “belle” prigionie e torture da parte degli “amici” inglesi. Il conflitto mi carica. Se poi mi porta soldi, ancora di piu’. Certo non vinceranno, per quel che mi riguarda, dal lato della paura e della persecuzione perchè, nonostante possa sembrare un target di semplice esecuzione (madre single, prof di liceo ecc…) l’ho sempre spuntata contro chi voleva farmi del male e sarà così anche questa volta. Come filosofa temo solo la morte che, come si sa, puo’ sopravvenire in ogni momento, nessuno ne è immune. C’è gente che soffre per molto meno (per esempio Pasqua quando fa le figure di merda) ma io non faccio parte di quella categoria.

ps: quasi tutti i link sono roba mia, cosicchè chi passa di qui possa farsi un’idea del mio “antisemitismo” nonchè “negazionismo” :-D Se si dicono robe del genere bisogna dimostrarle con una certa puntualità, non con l’astio vendicativo di un articolo a suo carico, mal digerito, covato per piu’ di un anno, poi uscito per essere stato maltrattato nel facebook di arrigoni. E chi ha orecchie per intendere intenda, chi no, in roulotte. Perchè la casa l’ha persa….
so che il paragone è forte, ma…lo schema è il medesimo di quello rappresentato…uno schema che si è fermato lì, ancora oggi nel 2011. E forse con piu’ crudeltà di quanto facessero allora. L’illuminismo per ‘sta gente, non è mai esistito…

* il gruppo dei sionisti italiani che fa capo ai siti: focus on israel, informazionecorretta e osservatorio sull’antisemitismo piu’ altra insignificante e incolta gente sparsa. In questi siti vi si scheda e appena possibile si vessano i blogger filopalestinesi


Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Commenti

  1. MrLattice scrive:

    Ringrazio Pasqua perché mi ha fatto conoscere questo blog, da oggi in poi sarà una tappa fondamentale della mia navigazione quotidiana!!!

    1. Giorgio scrive:

      Anche io.
      Brava continua così!

    2. Anonimo scrive:

      Fabrizio

      Tutta la mia solidarietà e stima, professoressa. Non mollare mai la battaglia per la verità!

  2. Mauro scrive:

    ..devo ringraziare anche io il sig.Pasqua di Repubblica, mi ha fatto conoscere un’altra persona libera dalla Storia di Stato!
    Complimenti Cloro ,condivido in pieno il tuo pensiero.
    Mauro

  3. Suleiman Kahani scrive:

    Carissima Cloro, un ‘negazionista antisemita’ -quasi- come te ti saluta!
    :-D
    http://palaestinafelix.blogspot.com/2011/04/amayreh-israele-spera-di-piegare-i.html

  4. Eli scrive:

    Marco Pasqua, grazie per la pubblicità che fai al blog!
    Più che antisemita, sono anti-idioti!
    Sarà un reato?   :D

  5. alsalto scrive:

    Propongo a tutti coloro ritengano questo vile attacco mediatico, nei confronti della stimata autrice di questo blog, inaccettabile, poiche’ basato sulla menzogna, di scrivere comunicando il proprio sdegno e al giornalista Marco Pasqua mpasqua@omniroma.it e alla redazione segreteria_milano@repubblica.it  oltre al diffondere tramite la rete, il proprio blog, i propri contatti le verita’ di questa incresciosa vicenda.

    1. Eli scrive:

      Bravo alsalto!
      Questo si chiama fare!!!

      :D

    2. CloroAlCloro scrive:

      E mettici anche a me..caro AlSalto…(sul profilo di YT non c’è un gran che su dite..
      Io sono Manfredini Ernesto di Roma, via della Magliana 214
      Se vuoi ti do anche il telefono
      Sono razzista solo nei confronti dei palestinesi….
       

      1. notimenowhere scrive:

        Cazzo Alsalto
         
        Il troll dopo averle rotte te le aggiusta anche. :-D
         
        http://www.cylex.it/azienda/mg-autoservice-srl-11091153.html
         
        E come numero di telefono che ci dai? Quello di papi silvio che le tv hanno sputtanato?

  6. CloroAlCloro scrive:

    Leggo che ci sono guai del tuo amico Vittorio Arrigoni..Cloro..sono sionisti quelli che l’hanno rapito! Di sicuro!
    Bhà….

    1. Guareskj scrive:

      Guarda CloroAlCloro o chi cavolo sei, già solo per la poca fantasia del nick che ti sei scelto e per la difficoltà che comporta il digitarlo secondo me dovresti chiedere scusa. Non diciamo del resto ma si commenta da sé. Poi non so perchè ma mi ricordi Bocchino.

      1. CloroAlCloro scrive:

        Molta fantasia , invece, Guareschi ammiro il fatto che pur essendo tu cattolico, qui difendi la Cloro….
        E’ una cosa positiva. Io con Cloro non concordo quasi mai, ma quest’ attacco è intollerabile

      2. notimenowhere scrive:

        Guarè
        Bocchino? Non ti facevo così volgare. :-D
        Ma lasciatelo stare sto troll. Da pure gli indirizzi pezzotti.
        Verrebbe da denunciarlo sul serio.

        1. CloroAlCloro scrive:

          Notime..ma come ti permetti???
          non mi permetterei mai di insutare Cloro. Forse non hai capito i miei intenti!

        2. Cloro scrive:

          x Cloro al cloro (che usa un omonimo per confondere le idee..) sei rimasto l’unico a giudicare male. L’ultimo. L’unico. A Gaza bombardano e rapiscono il mio amico Vittorio. E tu continui a fare lo sciacallo. Da questo momento sei bannato da questo blog. Hai avuto troppo spazio e hai mostrato troppa falsità e meschinità. Adiòs

  7. Eli scrive:

    Dov’è, dov’è il Signore degli Anelli?
    Con tutti ‘sti troll deve esserci anche lui!

    1. CloroAlCloro scrive:

      Al tuo contrario..io ho messo nome e cognome..
      E giusto il Signore degli Anelli..Tolkien ..ci manca solo Ezra Pound e magari Bendetto Croce e siamo a posto…
      Lo sapete, son fascista ma questa storia mi fa schifo lo stesso

      1. hm scrive:

        tu secondo me fake non abiti in via della magliana, ma nella reggia sionista del papa in via del vaticano numero 666 .

        1. Paolo Piano scrive:

           Il signor Marco Pasqua ha uno strano ruolo in Repubblica; si occupa esclusivamente di caccia ai negazionisti sul web, organizzando di tanto in tanto cacce alle streghe. L’ultima volta, quando d’intesa con un certo personaggio che è ben poco “pacifico” tentò di organizzare la consueta filiera “linciaggio mediatico – interrogazione parlamentare – legge bavaglio al web”, gli è andata male. Speriamo che gli vada male anche stavolta.

  8. Erwin scrive:

    umberto scrive:
    14 aprile 2011 alle 11:58
    Mi domando solo, se parlate a titolo o solo per far clamore. se si legge Mein Kampf, edizione 1925 e succesiva 1927, (credo che pero non conosciate il tedesco) si trovano le prove, di cui sopra, che sarebbe molto difficile negare, e che hanno dato modo all’ omicidio, programmato e indiscriminato, di milioni di Ebrei.
    Ignari di tutto come siete, il tribunale di Mannheim il 15 febbraio 2005, contro Jürgen Rieger, che aveva dal Canada negato l’ Olocausto, ha usato il suddetto libro, come prova processuale per condannare l’ imputato.
    Nei paesi civil, chi nega l’ Olocausto, viene condannato.
    Replica
    Erwin scrive:
    14 aprile 2011 alle 15:19
    Mi spieghi il passaggio tra il testo del Mein Kampf e l’esecuzione dello sterminio ebraico.
    Mi vuol dire che Adolf Hitler ha impartito l’ordine di sterminio?
    se si: Dove?
    Quando?
    Citi documenti VERIFICABILI e non ipotesi o ragionamenti psicologici,prego. Documenti!
    Il revisionista tedesco-canadese internato nei lager sterminazionisti è Ernst Zundel,non Rieger.

    1. hm scrive:

      avevo notato anch’io che avesse scritto una gran cazzata, è chiaro come il sole che il mein kampf non lo ha nemmeno aperto .

    2. Anonimo scrive:

      Ho già espresso, e colgo l’occasione per esprimerla nuovamente, la mia totale solidarietà alla Professoressa.
      Dato che si è andati “off topic” parlando di storia mi permetto di fare un appunto ad Erwin:
       
      I tedeschi avevano un efficente sistema di secretazione dei materiali sensibili e della loro distruzione, nel caso ci fosse il pericolo che il nemico ne entrasse in possesso.
      A titolo di fonte verificabile riporto:
      http://www.alenapoli.net/rubriche/img/eutanasia20.jpg
      Come potete vedere riporta l’ordine di distruzione in caso il file rischi di cadere in mani nemiche.
      È scorretto quindi fare appello strettamente a prove documentali sapendo che i tedeschi hanno distrutto tutto quanto fosse possibile.
      Lieto però di avere la possibilità, in questa paese a rischio democratico, di poter confutare (da anti-negazionista quale sono) i miei nemici intellettuali e non di vederli imbavagliati in galera.
      Omaggi e coraggio Cloro, non tutti hanno gli occhi bendati come puoi vedere dal numero di commenti.
      Pace, Amore ed Anarchia a te e tutti e che Vittorio possa aver finalmente trovato quella Pace per cui lottava.

      1. notimenowhere scrive:

        Anonimo
        Grazie per la fonte documentale. Tutto è utile quando ho dubbi.
        E io ne ho tanti. E non solo su questo argomento. :-D
        Ad ogni modo è da verificare. Tu ne sai di più? Hai altri link da dare?

      2. Erwin scrive:

        Per il solo lager di Auschwitz-Birkenau,lager di “sterminio” per eccellenza
        sono stati trovati,dai russi,88.200 documenti della Zentralbauleitung,
        riguardanti,tra l’altro la costruzione dei Krema II-III-IV-V,Praticamente TUTTA la documentazione sulle “camere a gas”
        Quindi da quelli si può verificare tutto.Ma nessuno vi ha trovato prove di intenzioni e rea
        lizzazioni omicide.
        Stranamente interi archivi sono caduti in mano alleata,ma stranamente nessun
        documento che provi la decisione ed ordine di sterminio è rimasto.
        Affermare ,poi,che nel MK si trovi la decisione e la programmazione dello
        sterminio è lavorare di fantasia ,tanta.
        Ogni esercito stabilisce cosa deve essere distrutto,in caso “butti male”.
        Si comincia dagli otturatori dei cannoni in avanti.Bruciare i depositi,minare i
        ponti…
        Quindi i documenti sono l’unica prova accettata in una qualunque sede di
        giudizio.Poi vengono le perizie,quindi le testimonianze (che devono essere
        verificate).In estrema sintesi:nessun documento…nessun fatto accertato!
         

        1. notimenowhere scrive:

          Erwin
          Ho letto cosa dice il tuo blog. Conosco le tue posizioni.
          Cosa mi rispondi riguardo il documento di cui sopra?
          Rispondi tu visto che l’anonimo non lo ha fatto.

        2. Anonimo scrive:

          Salve ancora,
          rispondendo a Notimenowhere, ma anche a Erwin:
          gli strumenti della storia sono vari: basilarmente li potremmo dividere in fonti e critica.
          Erwin mi ha fatto un discorso che per alcuni versi capisco, per altri meno.
          Ho citato quel documento a titolo di esempio e come prova del lavoro, da parte dei Nazisti, di distruzione di fonti in caso di rischio che cadano in mani nemiche. L’ho voluto ricordare innanzitutto perchè, in questi tempi di dibattito riduzionista sull’Olocausto, vengono messe in discussioni le conclusioni storiografiche a qualsiasi livello, dal più generale sin nei dettagli più minuti. Lo scopo era chiarificare agli interessati che si, a scanso di dubbi, i Nazisti avevano reali e capillari prassi di distruzione di documenti considerati pericolosi per i loro interessi militari o politici/economici (che tra l’altro nel Nazismo, per via della forma di governo accentratrice della dittatura, collimavano).
          Di conseguenza non trovo molti nessi tra quello che ho detto io e quello che dice Erwin: io parlo del fatto che c’è da aspettarsi storiograficamente buchi nelle documentazioni a causa di questo e lui ripete, per farla breve “Nelle fonti non si trova nulla”, e lo fa partendo dall’assunto che la documentazione di Auschwitz sia “TUTTA” e che non ci sia nulla di incriminante.
          Oltretutto puntualizza che questa della distruzione documentale è una prassi di ogni esercito, quindi si dichiara più che conscio di questo meccanismo.
          Anche se lo scrive maiuscolo e cita il numero preciso di documenti a me questa continua a sembrare, alla luce di quanto detto, del tutto plausibile che ci siano dei buchi nella, pur vasta, documentazione reduce. E dirò di più: è molto plausibile che ci siano buchi proprio laddove, e nonostante la nota cifratura di base dei documenti nazisti a mezzo sinonimi o sigle, potevano emergere prove di trattamenti eticamente discutibili. Perchè? Perchè almeno fino al 1933 i Nazisti erano nella fase di dialogo e di stipulamento del concordato con la Chiesa Cattolica, che per ovvie ragioni dimostrava interesse alle questioni etiche. In particolare la chiesa osteggiava il programma eugenetico e la soppressione degli incapaci (in cui poi rientravano anche persone come gli alcolisti), e proprio di a quel filone di segreti appartiene il documento proposto da me.
          Sinceramente però, quando dopo tutte queste interessanti premesse il dibattito si riduce al buttare sulla bilancia pile di fonti senza un preciso criterio e dimenticando il percorso della critica, dell’interpretazione e della connessione fra eventi e  contesto, stiamo confendo quello che è davvero questa materia.
          Mi permetto di chiosare che con sarebbe un caso se questo avvenisse dopo aver prestato ascolto agli interpreti riduzionisti dell’Olocausto, visto che la maggior parte di essi a partire dai più noti, sono dilettanti nella storiografia e non studiosi specializzati ferrati in queste dinamiche di ricostruzione storica.
          Con questo non voglio svilire le ricerche dilettantistiche, che in vari campi spesso hanno prodotto pregevoli risultati, ma ricordare che l’esperienza e la preparazione hanno il loro giusto peso e chi non li possiede deve avere anche un certo modo di porsi, se non vuole rendersi ridicolo.

  9. Alberto scrive:

    Lottte culturali per il nulla, novelli wandervogel che si accapigliano ed intanto i ricchi diventano sempre più ricchi, perchè il resto della popolazione crede o gli si è fatto credere che il denaro è lo sterco del demonio. Se esiste il Demonio alberga in ben altri lidi
    Ciao Cloro, gli idoli di legno non vinceranno mai..

  10. enkidu scrive:

    sono nuovo del sito e sono  arrivato qui a causa dell’articolo di pasqua. diamine, un articolo totalmente diffamatorio; il blog mi piace molto e non riesco a capire la causa scatenante l’attacco di pasqua a cloro.
    sarà un mio piacere frequentare questo sito.
     

  11. joyfulman4 scrive:

    Ciao, continua così… anzi aggiungo che il pianeta è sotto una kappa complottista pluto ebraica massonica… prova ad informarti a proposito del RJC… non si fermano davanti a niente… dietro le torri gemelle c’è proprio il RJC… scopri chi sono i suoi vice presidenti e i suoi iscritti, e fai gli abbinamenti con le multinaqzionali, e farai BINGO…!!! Altro che Alqaida o che dir si voglia… Ora che ti ho scoperta, ti verrò a trovare spesso…ciao   … JOY …

  12. Ernesto Manfredini scrive:

    Annunciate due iniziative del ministero dell’Istruzione e del Comune di Milano dopo il caso segnalato da Repubblica. Anche il mondo politico si mobilita: “La Gelmini deve intervenire”

    C’è “attenzione” da parte del ministero dell’Istruzione sulla vicenda della professoressa Barbara Albertoni, del liceo linguistico Manzoni di Milano, accusata di negazionismo, come ha denunciato un articolo di Repubblica. In viale Trastevere c’è l’intenzione di inviare una “ispezione ministeriale per fare chiarezza sulla vicenda”. Anche l’assessore alla Scuola e Politiche sociali del Comune di Milano, Mariolina Moioli, ha chiesto un’immediata relazione sui comportamenti dell’insegnante e “sulla base di quanto emergerà – annuncia – verranno presi gli opportuni provvedimenti”.

    “Vorrei ribadire come il liceo linguistico Manzoni è scuola civica in cui – continua l’assessore – è ben salda e convinta l’adesione ai principi e ai valori costituzionali oltre che il rispetto ai contenuti rievocati ogni anno nella Giornata della memoria. Per questo il Comune di Milano sostiene le iniziative della Fondazione Memoriale per la Shoah”.
    Sulla vicenda sono intervenuti anche Sinistra ecologia libertà e Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, chiedendo l’intervento del ministro Mariastella Gelmini, così come ha fatto il capogruppo Idv in commissione Istruzione al Senato, Fabio Giambrone. E il senatore pd Roberto Della Seta ha depositato una interrogazione parlamentare con cui chiede al ministro Gelmini “di adottare tutte le misure disciplinari possibili per evitare che alunni siano costretti ad apprendere la storia e la filosofia da una persona di tal genere”.
     
    Adesso rispondi alle tue azioni…VERGOGNATI!!!!!

    1. Cloro scrive:

      Manfredini (nome fake)MA VERGOGNATI TU ad infastidire le persone perbene. Vattenaffanculo altrove, imbecille.

      1. Eli scrive:

        Cloro

        denunciali tutti questi politici qua sopra elencati, che chiedono
        ispezioni e promettono sfracelli SENZA AVER LETTO NIENTE, solo
        sulla base di un articolo di un mediocre. Non sono meno
        responsabili di lui.

      2. cri scrive:

        ma perchè sapete solo offendervi?? non mi sembra che “vaffanculo” sia il termine esatto e corretto per intavolare una discussione..
         

        1. Gaincarlo scrive:

          oh povera cri soffre se vede una parolaccia
          oh questo mondo e’ troppo rude oh

    2. In italiano corretto si scrive “rispondi DELLE tue azioni”.
      Ignorante, tu e i cialtroni politici da te citati.

    3. ucciditi scrive:

      vergognati tu Manfredini, sei un verme schifoso leccaculo, la Storia reale emergerà che tu lo voglia o no. No alla prostituzione intellettuale, ce ne fossero di professoresse del genere in Italia

      1. Gaincarlo scrive:

        quoto
        premesso che ucciditi non e’ proprio un bel nick
        se 6 motto non puoi leggere i blog belli come questo
        meglio tutti vivi
        ma dentro un bel gabbio fatto di reputazione
        cloro ha reputazione
        e gli altri ?

    4. Alessandro scrive:

      Incredibile vedere come e quanto si sbracci la sinistra per fare intervenire l’odiatissima gelmini. Ma non era un’appestata da evitare. Adesso, la sinistrallafrutta, e in vena ci scampagnate elettorali, e che puzzano di batosta eletorale fin da ora, la erigono a sant’arcangela Maristella, matadora dei pochi infidi individui che ancora hanno l’improntitudine di non farsela sotto davanti al cerbero politcallycorrect santoro.travaglio.saviano e altre simili mostruosità mitologiche.

  13. Antonio Caracciolo scrive:

    Nessuna esitazione ad esprimere pubblicamente la mia piena solidarietà a Barbara: ci sono passato e vedo ripetersi sempre identico lo stesso scenario. Incomincia il delatore, poi chi si straccia le vesti e grida allo scandalo, i soliti politici che aprono bocca a sproposito, tanto per farsi pubblicità e far sapere che esistono. Ho studiato i casi precedenti e si possono distinguere due situazione: qualcosa che succede dentro le mura dell’edificio scolastico o altrove. Nel caso di Barbara è chiaro che dentro la scuola non è successo nulla che gli si possa imputare, con o senza fondamento. E trova un’intimidazione bella e buona l’annuncio di ispezioni ministeriali: per verificare cosa? Quello che uno fa a casa propria? Sta pericolosamente passando la tesi che uno neppure a casa propria possa essere libero del proprio pensiero. Trovo che Barbara non debba giustificarsi con nessuno per ciò che pensa, condivisibile o meno… ma staremo a vedere. Ho fatto un giro nei siti che hanno uno spazio commenti. Poiché nel contesto generale venivo citato anche io, ho lasciato i commenti che qui allego e che nei siti in questione sono in attesa di approvazione. Può essere interessante quanto dunque qui allego. Dico a Barbara: coraggio! Ti siamo vicini.
    —————-
    ALLEGATO:
    scrive: Il tuo commento è in attesa di moderazione
    14 aprile 2011 alle 21:51
    In quanto compatibile riproduco il testo di un precedente intervento su un tema che vede comparire il mio nome:
    —-
    Antonio Caracciolo scrive: Il tuo commento è in attesa di moderazione prima di essere pubblicato.
    il 14 aprile 2011 alle ore 21:21
    Al citato signor De Sessa ho mandato il seguente testo:
    Seguo in rete i luoghi dove viene fatto il mio nome, che divenne “noto” ed ascritto fra i cosiddetti “negazionisti” in seguito ad un articolo del solito Pasqua, per il quale fu avviato contro di me un procedimento disciplinare presso il Collegio di Disciplina del Consiglio Universitario Nazionale dal quale in data 13 gennaio 2010 uscivo assolto con formula piena per inesistenza del fatto. Ho quindi avviato un’azione civile contro il Pasqua e la Repubblica, le cui prossime udienze sono in data 20 aprile e 20 maggio. Di professione ho detto e ripetuto di essere “filosofo del diritto” e di occuparmi di “libertà del pensiero e di espressione”. Non mi occupo e non mi sono mai occupato professionalmente di “campi di concentramento”. Di questo faccenda mi preoccupa solo il fatto che nella sola Germania, dal 1994 ad oggi, sarebbero state penalmente perseguite ben 200.000 persone per quelli che io ritengo meri reati di opinioni… Opinioni discutibilissime, che non ritengo meritino neppure attenzione, sono quelle del citato Sessa, di cui non capisco quale idea abbia dei “diritti”… Lo prego quindi per quanto mi riguarda, in nome del diritto, di stare ai fatti e di non chiamarmi in causa per cose che ignora e che sono vera e propria diffamazione.
    ————-
    Aggiungo che a suo tempo, a Repubblica, furono inviate ripetutamente lettere di smentita ex legge sulla stampa. Non vennero pubblicate e ciò è anche materia della causa in corso, sopra menzionata.

  14. Set(t)ario scrive:

    L’interrogatore “progressista”
    http://robertodellaseta.ilcannocchiale.it/2011/04/14/la_docente_negazionista_non_pu.html

    ed una possibile risposta (seguire tutto e trarre le conseguenze)
    http://www.youtube.com/watch?v=i4ZrzogMbdM

  15. alsalto scrive:

    La notizia del rapimento di Vitttorio mi ha ammutolito. E’ tale la sofferenza da soffocarmi. Nel contempo la rabbia in me si amplifica. Solo quando si ha contatto ravvicinato con la forza dei media se ne puo’ tastare l’amarezza, struttura in grado(anzi programmata) di  trasformare vite comuni in cinici palcoscenici dove tutto viene rappresentato fuorche’ l’essenza delle questioni. Se il fatto che ti vede coinvolta, Cloro, vedra’ l’attenzione dei media come potenzialmente si prospetta tu sii forte, distogli l’attenzione da questi e concentrala su cio’ che piu’ e’ importante, la tua famiglia, te stessa. Noi ombre cercheremo di ridarti luce.

    Mi dichiaro complice delle affermazioni di Barbara Albertoni, oltre che puntuale sostenitore, chiedo quindi d’esser parimente giudicato. Francesco Bianco IP 151.31.55.112.

    1. byebyeunclesam scrive:

      Sion ha compiuto il suo ennesimo assassinio mirato

      1. Gaincarlo scrive:

        quoto
        chissa’ se fanno la festa anche alla barbara
        mani dietro la schiena e cappuccio in plastica sulla testa
        cosi’ e’ stato ucciso
        metodi barbari per tempi barbari della serie mala tempora currunt
        non e’ per caso che in assenza di agenti patogeni in grado di sterminare la specie umana
        aadesso ci si accapiglia tra noi per svolgere le veci di selezione biologica ?
        qquesto spiegherebbe questa fame di assassinio che si vede ovunque
        ssiccome sulla terra non ce piu’ nulla che puo’ selezionarci ci selezioniamo da noi stessi attaccandoci vicendevolmente

  16. Antonio Caracciolo scrive:

    E figuriamoci se questi individui possono rappresentare e difendere i nostri diritti!
     

  17. Antonio Caracciolo scrive:

    Ieri sera ho letto sulla rete, sempre sulla solita Repubblica, specializzata nella produzione di “casi”, ho letto la seguente notizia cui segue riflessione: «In viale Trastevere c’è l’intenzione di inviare una “ispezione ministeriale per fare chiarezza sulla vicenda”. Anche l’assessore alla Scuola e Politiche sociali del Comune di Milano, Mariolina Moioli, ha chiesto un’immediata relazione sui comportamenti dell’insegnante e “sulla base di quanto emergerà – annuncia – verranno presi gli opportuni provvedimenti”».
    Rifletto: che senso ha dare la notizia che vi sarà una “ispezione” e che se chi già viene messo alla “gogna” mediatica sarà trovato “colpevole”, verrà “opportunemente” punito? Il principio che nessuno rispetta in questo paese è la presunzione di innocenza: vige invece il suo contrario: la presunzione di colpevolezza! Se appena il Ministero fosse stato minimamente corretto, avrebbe in TUTTA SEGRETEZZA accertato in via interna quello che avrebbe dovuto accertare. Se “nulla“ fosse risultato – come pare il caso –, nulla sarebbe stato detto. Invece si anticipa in positivo il nulla di fatto. Il nostro è proprio il paese di Maramaldo. Chi ha dato la notizia non si è comportato diversamente da chi fece arrivare ai giornali la notizia che Berlusconi era indagato di non so che… Insomma, il nostro è il paese della Diffamazione eretta a sistema!

    1. Gaincarlo scrive:

      beh antonio se fai reenginering psicanalitico ti dici a che serve la minaccia di ispezione ?
      a far tremare di paura l’ispezionato sempre partendo dal punto di vista di colei che ordina le ispezioni
      ma colei che ordina le ispezioni non sa che il risultato stesso della ispezione puo’ essere a favore dell’ispezonato

  18. Antonio Caracciolo scrive:

    Il Tizio in uno dei suoi “casi”, se la prende perfino con una Guida turistica, un libro su Israele, dove a proposito del famoso Museo dell’Olocausto che si trova lì, scrive che documenta sull’«Olocausto» il «punto di vista degli Ebrei». Nasce lo scandalo giornalistico, lo “schock”: «Ma come il “punto di vista degli ebrei”? E che vuol dire che può esserci un “punto di vista” diverso da quello degli Ebrei? Magari il “punto di vista” dei Negazionisti? O magari di Cloro? o di Caracciolo?». Orbene, in fisica e metafisica ogni mente normale e sana sa che i punti di vista sono “infiniti”. La cosa non finisce qui: l’autore della guida turistica rilasciò alla montatura del solito giornale e del solito giornalista la seguente dichiarazione: “Ma io non ho fatto altro che tradurre in italiano ciò che ho trovato scritto sul depliant pubblicitario del famoso museo israeliano!!!”. Si diceva una volta: più realista del re! Chi deve capire capisca. Io spero fra qualche giorno di poter vedere in Tribunale la faccia del Tizio e non voglio portare fuori dell’aule di giustizia… I miei interventi sono da mesi proprio per questo al minimo indispensabile e necessario.
    Mi giunge la notizia che Arrigoni è stato ucciso! So chi in Italia ne è contento.

  19. rossoallosso scrive:

    ora che Vittorio è morto diranno che è colpa sua ,che l’hanno ucciso i suoi stessi amici,che se stava a casa non gli succedeva nulla,proprio come fanno certi”giornalisti” presunti, che non sanno più dove hanno la faccia e dove il culo tanto sono impersonali.
    tutta la mia solidarietà a te ed un abbraccio a Vittorio

    1. notimenowhere scrive:

      Se è per questo basta che ti fai un giro su informazionecorretta.
      Bisogna capire il cui prodest sulla morte di Vittorio.
      E’ presto per dare giudizi che non siano viziati da emotività.
       

  20. corrado scrive:

    La Repubblica= Delinquenza Pubblica_
    Certo fà ribrezzo leggere quello che ha scritto stò Pasqua, anche il suo direttore ..un certo Zucconi mica è scherza, sono al soldo delle Multinazionali /Lobby sioniste che giornalmente calunniano e diffamano i cittadini che non la pensano come loro e non fanno gli stessi perversi e abominevoli sitli di vita che fanno loro, a questi ciarlatani consiglio di leggere il seguente Sito:

    http://okkulte-nazis.blogspot.com/2011/01/nazi-support-of-zionism.html

    è scritto in lingua tedesca e inglese, la traduzione la potete fare tramite Google, in quanto a stò Pasqua trattatelo bene…prendetelo piano piano e sbattetelo forte forte in qualche muro.

  21. Erwin scrive:

    Ecco la conferma del vero scopo dell’aggressione a “Cloro”:

    …”La proposta di introdurre il reato di negazionismo che l’Italia dei Valori ha appoggiato è ogni giorno più attuale, la maggioranza si impegni per una sua rapida approvazione da parte del Parlamento”…

    il tutto a firma di tale Fabio Giambrone,Capogruppo in Commissione Istruzione pubblica al Senato dell’IDV.

    Più chiaro di questo c’è solo che nessuno ha mai trovato un ordine di sterminio degli “ebrei”,in quanto tali,firmato da una QUALUNQUE autorità tedesca!

    1. Antinazista D.O.C.G scrive:

      Davvero? Se così fosse NON voterò mai più questi cavernicoli !!!
      Viva la libertà di pensiero e di ricerca.

  22. Daniele scrive:

    Io sto con Barbara

  23. CN. scrive:

    Salve professoressa,
    avessi avuto io una professoressa cosi al liceo, che non si soffermasse alla lettura del semplice libro, e che non si soffermasse a raccontare la solita storiella dell’olocausto come una paranoica litania sempre tutta uguale.
    Marco Pasqua e la Repubblica, non sono nuove a queste vicende, penso che il giornalista in questione spenda parte della sua vita a trovare (solo sul web) chiunque dubiti dell’olocausto et similia.
    Si dice che oggi mettendo a tacere la Verità si guadagna bene.
    Solidarietà ai revisionisti nelle carceri. Solidarietà a chi viene accusato di voler conoscere la verità !

  24. Este scrive:

    quel che è peggio è come si guadagna da vivere questo pseudo giornalista. Una volta al mese entra su internet, scrive su google qualche chiave di ricerca come “sion ebrei negazionismo”, trova la sua vittima ed ecco che la infama. In venti minuti scrive un articoletto banale da terza media facendo leva sull’ignoranza della gente, condisce tutto con un po di kitsch da indignazione e gli arriva lo stipendio a casa. E magari il gruppo espresso (di cui sappiamo tutti chi è il proprietario: toh, è ebreo) lo paga pure bene. Un borseggiatore si guadagna più dignitosamente il pane. Che mondo marcio.

    1. CN. scrive:

      Il mondo oramai è questo, c’è chi si fa un culo cosi per lavorare e ci sono questi pseudo intellettuali da quattro soldi come marco pasqua, che sfruttano il denaro giudaico e l’ignoranza della gente.

    2. Gaincarlo scrive:

      mala tempora currunt

  25. Pitocco scrive:

    Brava, brava e brava!
    Magari ce ne fossero di donne così come te!
    Non ti preoccupare gli stronzi hanno l’abitudine di galleggiare spesso nel mare a loro confacente: le latrine, ma quello che non sanno è che dopo poco se ne ritornano nel profondo della loro cialtroneria.
    Abbi fede!
    Pitocco

  26. Nicola scrive:

    Solidarietà….e coraggio!!

  27. Antonio Caracciolo scrive:

    Olocausto: Antonio Caracciolo
    Lettera pubblicata dal “Corriere della Sera”
    del 22 febbraio 2011

    Fra i casi pubblicati accanto all’articolo «Il negazionismo un reato penale? Le comunità ebraiche si dividono» (Corriere 24 gennaio) apre un brano che riporto testualmente: «…Il ricercatore: nell’ottobre 2009 choc alla Sapienza. Per il professore aggregato Antonio Caracciolo “l’Olocausto è solo una leggenda», ripreso anche dall’archivio del sito web del Corriere. Faccio presente come in data 22 ottobre 2009, quasi tutti i media, compreso il Corriere, davano credito a quanto pubblicato dal giornalista Marco Pasqua in un articolo di Repubblica. A seguito di detto articolo il professor Caracciolo è stato quindi deferito dal Rettore al Collegio di Disciplina del Consiglio Universitario Nazionale, dove il 13 gennaio 2010 è stato prosciolto con formula piena per inesistenza del fatto.
    Avv. Teodoro Klitsche de la Grange
    Fonte

    1. Gaincarlo scrive:

      creare il reato di opinione avra’ come effetto moltiplicare moltissimo gli interventi degli avvocati che si sa si muovono a gratis
      per caso gli ebrei fanno di mestiere l’avvocato ?
      pragmatismo confuciano
      qui prodest ? creare reati ha come scopo creare colpevoli allo scopo di eliminare il proprio nemico e fottergli un bel po’ di quattrini proprio come ha fatto adolf che si e’ pagato il riarmo della germania con le confische di beni ebraici
      ergo il mondo ad un certo livello e’ un bel po’ meno sofisticato della speculazione concettuale immateriale
      ad un certo livello tutto deve servire per produrre beni tangibili vedi gli euri o i dolla-ri
      questo e’ il vero pragmatismo
      le parole sono chiacchere
      le parole devono produrre denaro
      solo questo esiste ad un certo livello
      PS evviva questo blog che e’ bellissimo !

  28. Sempre pensando al Tizio, ma non facendone il nome in ragione della causa che fra pochi inizierà in Tribunale, dove spero si presenti di persona, ne racconta una delle sue tante e delle poche da me seguite. Lo stesso attacco fatto a Barbara, quasi seguendo un genere ed uno schema, è stato rivolto a Roberto De Mattei, a cui ho mandato in privato la mia solidarietà. Vado stringato. Prego seguire il ragionamento nei suoi termini essenziali, trascurando i dettagli. Tutti sappiamo di Giobbe, quello della Bibbia. Cosa viene mosso come capo di imputazione a De Mattei, cattolico ultratradizionalista, con il quale si può dissentire, ma riconoscendogli la sua libertà di religione, di coscienza, di pensiero. Gli si rimprovera senza contesto di aver detto che lo tsunami giapponese è un “castigo divino”. Immaginate di essere un soggetto particolarmente religioso, che vede tutto quello che succede nel mondo e nella storia, come un evento necessariamente riconducibile a Dio, che tutto sa e tutto permette. Fin qui non credo sia difficile seguire il ragionamento, che – ripeto – può essere non condivisibile, se uno non ha la stessa fede e sensibilità religiosa. Ma non è questo il punto. Andate a leggervi il libro di Jakob Rabkin, che ho letto un paio di volte e che cito a memoria. Vi è un passo, che appena trovato metterò qui in rete, dove un pio ebreo, non sionista, anzi antisionista, dice (si badi non ne “nega” l’esistenza) l’«Olocausto» si sarebbe verificato come “castigo” che Dio (Javeh) ha voluto infliggere al suo popolo per le colpe di cui si è macchiato. Ritornando a De Mattei, mutatis mutandis, è esattamente la stessa faccenda… Se interessa, riprodurrò esattamente il brano, che son certo si trova nel libro citato, di quasi 300 pagine, da me letto un paio di volte.

    1. Gaincarlo scrive:

      beh seguendo cio’ che il cristianesimo insegna tutto esiste a causa di Dio
      la bibbia dice Dio disse sia la luce ed E=mc2 dice che luce e’ massa quindi materia
      Dio crea la materia (gli atomi) e la materia crea noi
      la stupidita’ crea la guerra e i morti ammazzati
      la guerra crea poverta’
      la poverta’ crea schiavitu’ che si sa se lavori e sei schiavo il tuo lavoro arricchisce il padrone
      ergo la guerra permette al padrone di continuare la dominazione ergo finche’ le persone non capiscono che siamo vivi per circa 75 anni cadauno circa l’intelligenza dice che se sei vivo per 75 anni che cavolo ti impegni a fare per creare sofferenze se sei intelligenti cerchi di cercare cose che aiutano l’essere umano a restare umano
      se cerchi i soldi non sei piu’ umano
      restiamo umani
      un gesto di intelligenza

  29. ettore scrive:

    Ehi ci sono anch’io!! ewiva pasqua (solo x questa volta)
    Eccomi qui a farvi compagnia….. sicuro adesso saremo
    in chissà quale lista.
    Felice di avere scoperto questo blog.

    Mi sa che con sta storia……ci diventiamo davvero negazionisti…in tanti !!
    Cavolo ma non è che queste reazioni sempre esageratamente spropositate, nascondono davvero bugie?
    Da noi si dice:
    “Buttarti avanti per non cadere”.
    Si sono esposti una volta ancora. Fanno paura.

    Stima e ammirazione Barbara!!

    Ettore

  30. Nicola scrive:

    Buona “Pasqua”…

    1. Cloro scrive:

      sì vabhe :-D me l’han già fatta in 150 mila sta battuta…

  31. personalmente non ho fatto ricerche sul negazionismo e sulla shoah. Non sono quindi in grado di validare o confutare nulla in merito. Mi chiedo però una cosa: che bisogno c’è di scagliarsi contro una tesi con piglio manicheo? E’ probabile (perchè possibile) che i “negazionisti” (definiti così dall’altra fazione, con la stessa leggerezza con cui si definiscono complottisti coloro che, ad esempio, fanno le pulci ai fatti dell’11 settembre) si sbaglino, ma, proprio perché attaccati, suscitano la mia simpatia. C’è chi, e sono molti, addirittura lavora per far diventare reato pensarla in un certo modo: è la tecnica dei VILI. Si vogliono nascondere dietro una norma per negare la facoltà di pensare.
    In questi casi vorrei suggerire, anche se mi sembra che non c’è bisogno, di perseguire questa gente con uno dei mezzi che ritengo più odioso in assoluto: le vie legali. Quello giudiziario, soprattutto civile, è un percorso in confronto al quale il labirinto di Dedalo sembra il sentiero di casa e mi sembra proprio la giusta punizione per chi vorrebbe estenderne addirittura i confini (con l’introduzione di altri reati).
    Fagli male.
    Prima di chiudere vorrei segnalare lo stupore che mi suscita il commento di “Antonio Caracciolo” riportato poco sopra: come sarebbe “che senso ha dare la notizia che vi sarà una “ispezione” e che se chi già viene messo alla “gogna” mediatica sarà trovato “colpevole”, verrà “opportunemente” punito?” A conti fatti, il loro unico risultato potrebbe essere appunto la gogna mediatica. Se facessero tutto in segretezza quale risultato otterrebbero?
    Saluti

  32. Ah, dimenticavo: ho aggiunto il tuo blog al mio segnalibri. Anch’io, per questo, devo ringraziare, oltre che Pasqua anche Caracini.

  33. [...] per Hitler sia un fatto di per sé squalificante. Visto che oggi è così facile per un blogger beccarsi un’accusa di revisionismo, sottolineo subito che non voglio minimizzare in nulla l’atrocità della Shoah e della [...]

  34. Anna19828282 scrive:

    Come ben si sa, lui è specializzato in articoli contro l’antisemitismo e contro l’omofobia. Ma che sia ebreo non mi risulta

  35. [...]  denominato “cloroalclero” e pubblicato in data 14 Aprile 2011 (questo il link: http://www.cloroalclero.com/?p=6145 )  nel quale compare questa lapalissiana verità: “Marco Pasqua un cretino qualsiasi,che solo in [...]

  36. Contro l'usurocrazia scrive:

    è ora che “giornalisti” come Marco Pasqua e altri burattini di Israele e degli altri poteri forti vadano a lavorare in campagna!
    Il giornalista è pagato per dire la verità non per fare il lecchino dei soliti mistificatori!
    Marco Pasqua & Company basta con le cavolate sull’antisemitismo, non c’è nessuno antisemitismo, la gente è stanca di una parte di ebrei che con atteggiamenti vittimisti massacra i Palestinesi, specula sui debiti sovrani, dichiara guerra e fa operazione terroristiche con “candidati manciuriani”

show
 
close
rss Follow on Twitter facebook youtube google+