04
giu

Circoncisione = mutilazione genitale maschile: una barbarie praticata anche da noi

Written by Cloro. Posted in Censura, cultura, Laicità, Mondo

Leggo su Roma Ebraica, il sito direttamente controllato da Riccardo Pacifici, capo della comunità ebraica di Roma (il quale sito contiene ancora diffamazioni sul mio conto), che ancora nella loro religione è prescritta la circoncisione, come pratica resa necessaria -secondo le loro leggende “sacre”- da un patto (riporto le sue parole) tra l’uomo e d__o (Dio).

Ora: da donna e femminista mi schiero contro ogni tipo di cultura, tribale, religiosa o di altro tipo, che consenta a qualsivoglia autorità di mutilare un bambino o una bambina sani a livello genitale. E’ una barbarie a cui ogni persona civile deve opporsi. Negli stati uniti esiste un forte movimento contro la circoncisione che ha finalmente portato a San Francisco le autorità a pronunciarsi contro questa  pratica inutile e spesso dannosa. Di sicuro una pratica che sottrae al neonato quella serenità propria della sua condizione che apre a livello inconscio quei fantasmi di paura e di dolore che non gli appartengono essenzialmente.

La circoncisione è una barbarie senza se e senza ma. Essa viene praticata sul bambino sano (in certe barbariche prescrizioni religiose essa non puo’ essere rimandata oltre l’ottavo giorno di vita del neonato a meno che non vi siano motivi di salute che lo impongano oggettivamente) senza anestesia (perchè l’anestesia sul neonato sano puo’ avere controindicazioni)

Qui sotto un video in cui viene praticata la circoncisione rituale. Vedetelo e poi ditemi se non è una consuetudine insopportabile umanamente

Proseguo (e chiudo) con il reportage di un padre che ha portato il figlioletto a far circoncidere e se n’è amaramente pentito come padre perchè quello che ha visto lo ha trovato allucinante. Da ‘sto sito, tradotto da me:

“La procedura chirurgica più comune in America, la circoncisione, non è necessaria,
ancora oggi, milioni di bambini appena nati vengono circoncisi ogni anno.

Mio figlio è stato circonciso alla nascita, in parte perché non sapevamo cosa fosse
meglio fare, e in parte perché volevo che “fosse come me” (“è normale,
lo fanno tutti “).
Ho deciso di accompagnarlo e di stare con lui
durante l’”operazione”, perché avevo bisogno di sapere che cosa comportava, ed essendo stato
presente alla sua nascita e conoscendo la gioia e l’amore nel tenere il suo corpo minuscolo al mio petto, non avrei tollerato di essere escluso da un intervento su di lui, senza essere presente.

Sono molto grato del fatto di poter essere stato con lui. Non perché abbia potuto fare nulla per
confortarlo o fargli sentire il legame con lui, ma perché il trauma
inflitto a me e a lui (e a tutti gli uomini che ancora lo accetteranno) mi ha aperto gli occhi sull’ orrenda pratica barbarica
della circoncisione.

E ‘stata una cosa orribile a cui assistere.

Le sue minuscole gambe, invece di essere piegate sotto di lui, come nel grembo materno, erano
allungate e tese mentre stava immobilizzato alla tavola operatoria.
Il medico ha iniziato l’operazione montando la guida per la circoncisione sul pene del piccolo neonato, facendo due chiacchiere con me mentre mio figlio si lamentava in segno di protesta per essere stato
legato stretto su un freddo tavolo operatorio.

Non appena il medico iniziava a tagliare la pelle del prepuzio , le urla di mio figlio
raggiungevano il massimo del volume: tutto quel che potevo fare era di tenergli la manina cercando di consolarlo con la mia voce mentre lo mutilavano. Ma non mi sono sentito di fermare il medico a metà dell’ operazione, così alla fine mio figlio è andato in stato di shock: il suo corpo minuscolo s’è afflosciato e sul volto potevate scorgervi lo sguardo traumatizzato e dolorante(Vedi il video circoncisione).

Ho ancora gli incubi per quest’esperienza, e mi chiedo quale sia il debito psicologico che un bebe’ appena nato deve pagare
durante e dopo la circoncisione.

Le sue parti piu’ sensibili sono state rimosse in un atto traumatico di chirurgia il giorno della sua nascita, e questo ricordo (inconscio?) condizionerà la percezione dei suoi genitali per il resto della sua vita.

Quindi perché dobbiamo ancora sottoporci alla circoncisione dei bambini appena nati, di routine ?

Si scopre che una serie di miti che prevalgono nelle menti di coloro che sostengono la
circoncisione, sono falsi. E quei genitori che non mettono in discussione questi
miti di solito finiscono per avere il loro figlio circonciso.

Alcuni miti avanzati da chi sostiene la circoncisione:

Mito – La circoncisione è raccomandata di routine e approvata dai medici e
altri operatori sanitari.
I FATTI – Nessuna associazione professionale medica negli Stati Uniti o in qualsiasi
altra parte del mondo consiglia la circoncisione di routine come una procedura medicalmente necessaria
L’American Medical Association la definisce “non terapeutica”. In nessun
caso, nei suoi 75 anni di attività, la American Academy of Pediatrics ha raccomandato mai
la circoncisione infantile.
Mito – circoncidere neonati maschi produce benefici per la salute nella vita adulta 
.
I Fatti- Nonostante la percezione comune, non esiste un nesso decisivo tra
circoncisione e una salute migliore. In effetti, l’esecuzione medicalmente inutile
intervento chirurgico sugli organi genitali di un ragazzo del bambino crea soltanto rischi per la salute immediata.
I rischi legati alla Circoncisione comprendono infezioni, emorragie, cicatrici, perdita di una
parte o della totalità del pene, e persino la morte. Questi pericoli esistono anche nelle
migliori condizioni di intervento clinico.
Mito – La circoncisione maschile aiuta a prevenire l’HIV.
I FATTI- L’ astinenza o solo l’uso del preservativo possono prevenire la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, compreso l’HIV / AIDS. Inoltre, l’uso del preservativo
protegge le donne come gli uomini. Anche se alcune circoncisioni sono stati efficaci per
la prevenzione delle malattie, rimuovendo parte del pene di un ragazzo del bambino malati alla nascita per evitare l’aatiarsi della malattia in futuro non ha che quest’intervento sia svolto di “routine” : sarebbe come rimuovere la cistifellea sana alla nascita per evitare che il fiele provochi, più tardi nella vita, i calcoli o come rimuovere denti sani per prevenire la carie dentale.


Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Commenti

  1. Ahò, qua dice che solo di Santi Prepuzi di Gesù Bambino ce n'è a giro una cinquantina
    http://it.wikipedia.org/wiki/Santo_Prepuzio

    E ancora riusciamo a non chiamare 'sta gente col loro nome:

    MALATI MENTALI

  2. Guareskj scrive:

    A parte il fatto che anche Vergognipedia cita la scomunica in materia, i manicomi per credenti della Russia comunista sono ben documentati e potresti farti una visita guidata per trovare soddisfazione. Credo che Primo Greganti ne organizzi ancora. In alternativa, magari fatti un giro qui nella terra dell'arcobaleno di Pisapia: stanno già attaccando le chiese. Credo ti troveresti a tuo agio, magari trovi anche un posto in giunta.

  3. Eli scrive:

    Guareskj

    non ho citato l'inquisizione per cambiare argomento, ma solo per dire che
    mille anni fa le bestialità si sprecavano…
    L'omo è 'na bestia, si sa, e la religione è il suo alibi.

    1. Guareskj scrive:

      Ma senza religione non è meno bestia. Certo, l'alibi della religione è spregevole ma devi anche pensare a cosa si faceva nello stesso periodo senza alibi religiosi.

  4. Eli scrive:

    Guareskjno

    nello stesso periodo c'erano re ed imperatori che sfruttavano e taglieggiavano il popolo…con l'investitura papale!
    Ecco cosa succedeva…

    Ti dedico queste:
    http://www.allposters.it/-st/Betty-Boop-Posters_c

    E ti dedico pure una canzone:
    http://www.youtube.com/watch?v=iUJMn5UkDlk

  5. Guareskj scrive:

    Ho scritto una lunga risposta ma mi si è cancellato: Dio è dalla tua ;-)
    Comunque è vero e non nego i fatti. Ma c'è solo Uno che ha le ragioni di tutto questo di cui un giorno si potrà ridere insieme. Nel frattempo la mia proposta è: fidiamoci. Anche se si vota diversamente, anche se ci manda affa, fidiamoci. Anche se adesso Cloro verserà soda caustica su questo mio commento. Fidiamoci. Io dico che vale pena vivere ut si Deus daretur, e fare come San Francesco, che pur vedendo limiti e contraddizioni ubbidì. Ha lasciato un segno no? A cosa ubbidì? A voi la risposta se vi interessa. Inoltre, visto che siamo a giugno, ci riprovo: vi invito al Meeting (pare vengano anche Fini, Grillo e Pisapia) ;-)

  6. Guareskj scrive:

    Mi spiace, Eli, sono stato bannato, il mio commento di risposta al tuo è ancora in moderazione da ieri e credo che anche questo di oggi non si vedrà. Cloro non mi risponde alle mail di lagnanza e mostra così il volto oppressivo e intransigente del potere che non accetta l'altro da sè.

    ps: se questo commento va in pubblicazione faccio una figura di merda, se invece non viene pubblicato… ;-)

    1. Guareskj scrive:

      Porca vacca me l'ha pubblicato :-) Ma resta comunque l'enigma del commento precedente.

  7. Guareskj scrive:

    Comunque, Eli, nel commento ti davo in parte ragione ma dicevo anche che certe cose sono un Mistero. Lo si può affronatre tenacemente ma incazzosamente, oppure altrettanto tenacemente si può chiedere che questo Mistero ci si manifesti. Perciò, lascio per una volta, da parte le polemiche e ti invito nuovamente al Meeting di Rimini. Dai. Date, una chance a questo luogo evento, in cui non credete e da cui diffidate. Male che vada avrete visto Rimini, mangiato la piadina, preso nuovi spunti di polemica (caso mai servissero). Jannacci, un ateo o un agnostico si diceva, è venuto due anni fa e lì ha detto “amo Gesù”, ha detto che se Lui scendesse dalla croce dovrebbe prenderci tutti “a calci in culo”, che lo meriteremmo. Come negarlo. Vogliamo partire da questo? Rinnovo l'invito, pertanto,a Cloro, Eli, Breva, Notime, Necroclerico, Spb, Alsalto e quanti altri ho magari dimenticato. Vi vedrei come una piacevole sorpresa.

    1. Cloro scrive:

      ehm…guareskj ci sn gia andata al meeting e ti dico…”no grazie” se vuoi ci possiamo trovare a rimini x una pizza, ma CL no, dài.

      1. Guareskj scrive:

        Ma quando ci sei stata, recentemente? Guarda che comunque al Meeting fanno una pizza ottima però la piadina è meglio :-)

        1. Guareskj scrive:

          Ma perchè mi mangia i commenti? Dicevo che potresti entrare anche solo per mangiare… dai che tiri dietro la Eli (son certo che ci verrebbe), Spb, Alsaltino, Breva… io comunque ci provo e poi magari una volta lì cambiate idea. Mica è solo CL il Meeting.

        2. Spb scrive:

          Io a rimini andavo all'altro mondo studios ma avevo 18 anni poi mi è rimasto solo l'ammore per le piadine.

        3. Guareskj scrive:

          Tornaci quest'estate… non sono pochi quelli che entrano – magari anche prevenuti perché ognuno arriva con la sua storia… – ed escono positivamente colpiti.

          ps: colpiti, mica cielini…;-)

  8. Guareskj scrive:

    Scusami tanto Cloro, ma stamattina leggo che a San Francisco parte il referendum sulla circoncisone: se questo passasse gli ebrei ortodossi di San Francisco rischieranno un anno di carcere per aver circonciso i loro figli. Credo che questo elemento sia di non poco interesse per avere un panorama completo su questa discussione: non stiamo più parlando di una pratica rozza ma di concedere o meno a un gruppo di esistere secondo la propria tradizione. Inoltre, l'altra notizia importante è che l'antisemitismo è diventato negli Usa (dove l'80% della popolazione maschile è circoncisa: alla faccia della teoria che la pratica non serve) il vero argomento correlato a questo "referundum me del cazzo".

    1. Guareskj scrive:

      Cioè mi sono seguito tutta sta vicenda, mi son pure sorbito tutta la teoria delle abluzioni genitali (con dovizia di particolari: scrotali e prepuziali…) di Alsalto, mi son sentito i pareri di tutti e cosa mancava? La questione fondamentale. E cioè che mentre noi chiacchieriamo amabilmente là si scannano su una questione che ha un solo precedente: la Russia sovietica, dove la circoncisione era vietata per legge dallo stato ateo.

    2. Cloro scrive:

      x Guareskj: innanzitutto una legge in democrazia NON deve essere retroattiva. Quindi quelli che l’hanno già fatto non devono essere perseguibili. Da ora in poi ‘sta gente (ebrei, ma anche musulmani e altri fanatici) semplicemente cambieranno la loro tradizione, abbandonando riti che prevedono le lesioni personali. Non è difficile eh… se cascano su questo vuol dire che la loro “spiritualità” e il loro valore, fa cagare (questo lo dico anche per i rabbini della Torah che sono antisionisti: le lesioni personali o sono giuste sempre, o non lo sono mai. Per me è la seconda, vie di mezzo non ce ne sono: la deroga al principio sfascia tutto il resto)

      1. Guareskj scrive:

        Tutto viene ormai fatto in sala operatoria. Resto dell'idea che sia un fatto assurdo ma è anche vero che, posto che non ci sono rischi per la salute, la costrizione per legge sia alla fine una vessazione su un popolo, piuttosto l'obbligo sia sulle precauzioni mediche, sull'ambiente in cui si svolge.

        1. Cloro scrive:

          Ripeto: credo che il primo valore per una democrazia sia la tutela dell’integrita’ fisica individuale che non puo’ essere violata da parte di terzi. Il minore non uo’ decidere (non puo’ decidere di andare a vivere con papa’ o con mamma figurati di farsi portar via il prepuzio): quindi in una democrazia non si dà che si usi il bisturi al di fuori di un contesto di necessità medica. E non m’interessa di rovinare il rito agi ebrei o ai musulmani. Basta. Lo rinviano a maggiore età: non è difficile: la vessazione “di un popolo” non puo’ avere priorità sulla vessazione di un individuo.

  9. Elefantino scrive:

    La circoncisione maschile viola i diritti umani e del bambino, costituisce un aggressione psicofisica e psicosessuale al bambino e al suo diritto a decidere per il proprio corpo (voi vorreste x esempio che qualcuno vi tagliasse il lobo dell’orecchio solo perchè lo impone una religione – una superstizione?), quindi trovo giusta questa sentenza del tribunale tedesco. Non ha nessuna giustificazione medica, tutte le Organizzazioni mediche al mondo ne sono contro, la Circoncisione non rende il pisellino più pulito e igienico, al contrario, viene privato della sua naturale membrana protettiva, ed è più esposto a infezioni, a virus e batteri. Il prepuzio protegge il pene del neonato dall’urina e dalla materia fecale. Inoltre il prepuzio contiene il naturale sistema immunitario del corpo, con l’aggiunta di lisozima (antibatterico naturale presente solo nel latte materno e negli occhi), interferone, immunoglobuline di tipo A e B… La Circoncisione maschile è una pratica chirurgica irreversibile, con un alta incidenza di mortalità, piena di rischi e complicazioni (tra cui setticemia, formazione di ematoma, sanguinamento eccessivo e dolore acuto, infezioni, emorragie, risultato estetico poco soddisfacente, meatiti, skin bridges e lacerazioni, infezioni da stafilococco e streptococco, infezioni alle vie urinarie (UTI) o al meato, ritenzione urinaria, ascesso scrotale, perdita di sensibilità del pene e disfunzioni sessuali nell’età adulta, rimozione eccessiva o insufficiente di cute prepuziale, necrosi del glande, micropenismo e tante altre… La fimosi si cura tramite prepuzioplastica o plastica a zeta o tramite la drenazione/creme in età pediatrica (ricorderei che la fimosi “genuina e vera” è spesso causata proprio dalla circoncisione o da retrazione forzata del prepuzio nei primi anni). Non previene ne hiv, ne altre MST o hpv, attenti, diffidate nel vostro interesse da chi vi dice il contrario.

    Una religione non la si puo’ imporre ai figli come fossero degli oggetti o un capo di bestiame come si faceva oltre 4000 anni fa. La circoncisione maschile va messa fuori legge o limitata sotto i 14 anni come in Sud Africa, Uganda.. ..

show
 
close
rss Follow on Twitter facebook youtube google+